martedì 25 dicembre 2012

TACI Prenatalizio


Ho letto sulla pagina Facebook di Spiritotrail un augurio natalizio che mi è molto piaciuto, lo riporto qui:
A
CHI
CORRE
SOLO PER
SE STESSO O
PER DIMOSTRARE
QUANTO SIA FORTE
AUGURIAMO DI RINASCERE
TRAIL RUNNER
BUONE
FESTE
Il 2012 volge al termine dopo che domenica abbiamo corso e organizzato la terza edizione del Trail Autogestito del Carso Isontino (TACI). Rispetto al 2010 e al 2011 è stato tutto molto diverso: il passaparola ha portato alla partenza un gran numero di facce nuove e se nelle prime due annate sapevo benissimo chi avrei incontrato, quest’anno non è stato così. È andata bene, poteva andare meglio, ma questo è un pensiero che vale sempre. 
Certo le cose positive ci sono state, e sono la maggioranza. Perché correndo in coda mi sono divertito assai, perché ho scambiato parole con persone che già conoscevo o che ho conosciuto, persone che sono stato fortunato ad incontrare grazie al trail. Perché il Terzo Tempo, a ranghi ridotti e non è un caso, è stato divertente, godereccio e appagante. Perché ho corso insieme a degli amici e perché il TA è un’occasione in più per correre con Chiara. Perché altri amici si sono sbattuti ad organizzare la camminata sul San Michele, ricevendo in cambio sorrisi e complimenti. Meritatissimi.
Grazie a Gis, Stefano e Lara che mi hanno permesso di mettere in piedi la giornata mentre io da Rovereto li incalzavo via mail o telefono.
Grazie alla maggioranza, che ha capito cosa intendo fare proponendo un giro turistico a passo di corsa, per conoscere il Carso dimenticando il cronometro e alzando gli occhi (scusate se non vi nomino tutti: è il mio modo per non dimenticare qualcuno).
Grazie speciale a Giuseppe, che ha avuto una gran sfiga: per te faccio un tifo del diavolo, devi metterti a posto il ginocchio, ci meritiamo molte altre corse assieme.
E poi c’è qualcosa che mi ha fatto storcere il naso e apprezzare l’augurio che ho riportato sopra. Dopo i primi due km, già ho visto qualcosa che a me non andava, sotto forma di un’accelerazione stonata al ritmo di crociera. E dopo altri due km, al momento di fermarsi per radunare il gruppo spezzato dalla stonatura, ho sentito i lamenti di chi ha freddo se ci si ferma a lungo e di chi vuole un ritmo diverso, più svelto. Lì ho deciso che il mio posto era in coda. Già, perché io organizzo assieme agli altri che però non corrono e dunque sono guida unica. A metà strada ho visto qualcuno che conosceva la zona buttarsi a rotta di collo su sentieri che non erano previsti. E ho proseguito in coda, fermandomi ad aspettare e risalendo la strada per tenere insieme chi ha capito cos’è un TA. All’arrivo qualcuno, non pochissimi in verità, se n’erano già andati senza neppure dire “Ciao”.
Scrivo questo perché serve a me scriverlo e perché so che su questo blog molti amanti del TA spendono qualche minuto, e vi (ci) dico: resistiamo!
Il prossimo anno sarà diverso.
Questo rimane il mio spirito: 

9 commenti:

  1. Il Blog ha diverse vie, ultimamente i commenti li leggo più altrove che qui. Grazie a chi si fa sentire presente anche da altre pagine: in fondo si scrive per essere letti.

    RispondiElimina
  2. Ciao Claudio,
    sono Vittorio (Toio) e approfitto di questo post per salutarTi.
    Leggo sempre il Tuo blog, un po' per la nostra vecchia amicizia, un po' perchè anch'io condivido la passione per la corsa e gli stessi "problemi" che derivano dal voler conciliare lavoro, sport e famiglia (io di piccoli ne ho due, tre e un anno).
    L'anno scorso avevo visto dopo tanto tempo Cristiano, gli avevo fatto i complementi e mi ero ripromesso che avrei partecipato, cercando di condividere tutta l'esperienza.
    Per vari motivi non ce l'ho fatta neanche quest'anno e mi dispiace.
    Leggendo mi è dispiaciuto anche per lo strano sviluppo che la cosa ha preso quest'anno.
    Non lo so, mi astengo da ogni commento, ma Ti capisco.
    Certo che andare via senza neanche salutare...
    A presto, magari (mi piacerebbe) alla Cavalcata Carsica 2013.

    Vittorio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Toio, che piacere sentirti. Magari la prossima volta che vengo in Bisiacaria ci facciamo un giro. La Cavalcata merita sempre.

      Elimina
  3. Se il prossimo anno non trovo nell ordine
    1. Arco gonfiabile partenza arrivo
    2. Chip
    3. Ristori
    4. Pubblico
    5. Belen rodriguez che corre con me..

    Non ci torno!


    A parte gli scherzi, sai gia che mi sono divertitio , il mio ginocchio un po meno. Fino al 10 data della risonanza non so ancora di preciso cosa e successo , sono comunque stufo di usare le stampelle e la ginocchiera ! Comunque vada tranquillo che ci rivederemo su qualche sentiero
    Tram

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di tutto in bocca al lupo e per il prossimo anno vedrai che un modo lo troviamo

      Elimina
  4. Va sempre a finire a "chi ce l'ha più lungo". Non c'è niente da fare, è atavico!
    Da parte mia, vi ho pensato... ho smontato dal lavoro alle 17, passando per Sagrado ho pensato: "Chissà se saranno ancora là...".
    Bravo Caio, da corridore di strada, apprezzo e condivido il tuo spirito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alle 17 eravamo già a casetta, peccato non esserci incontrati neppure questa volta, ma un'occasione prima o poi si presenterà... chissà dove

      Elimina
  5. Il prossimo anno ci sarò... naturalmente imprevisti a parte che purtroppo quest'anno non sono riuscita ad evitare.
    Un abbraccio
    agnese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trail sempre aperto per te, Agnese. Spero a presto

      Elimina