domenica 26 gennaio 2014

In punta di dito

Da tempo mi dicevo: dovrei cercare in quella miniera che si chiama Google la possibile pepita d'oro della ripresa di una passione. Così ho scritto "Subbuteo-Rovereto". E ho letto i risultati della ricerca …
Mercoledì sera dopo qualche anno (credo siano sei/sette) ho ricominciato a giocare. Serve spiegare cos'è il Subbuteo? Il gioco più bello del mondo, vi basta? Un calcio in miniatura. 
La prima volta me la ricordo ancora, e chi se la dimentica? Era il compleanno del mio amico d'infanzia Mario, 4 marzo 1982: potrebbe essere una forzatura, cercare la data esatta. Potrebbe anche non esserlo. Poi papà mi fece il regalo, era il luglio 1982, nella scatola "World Cup" Spagna e Argentina, in allegato l'Italia fresca campione del mondo. Da lì centinaia di partite, con regole adattate all'immaginazione da bambino. Con Cristiano portammo anche un campo e due squadre al campo scuola in montagna. In ritiro. Dovevamo portare una porta a testa, ma ci capimmo male e si giocava con una porta che passava di mano al momento del tiro. 
Poi qualche anno di pausa. "Da grande" si ricomincia, con l'amico David. E impariamo le regole vere. E organizziamo partite, partitone e partitissime, coinvolgendo un po' di coetanei. 
Mi trasferisco, i rientri in Friuli sono sempre meno frequenti, le occasioni di giocare a Subbuteo diminuiscono. 
A Verona ci riprovo, prendo contatto con un gruppo di giocatori che per me si rivela troppo forte e acceso d'agonismo. Io voglio solo giocare, nel senso profondo della parola. Se non mi diverto, che senso ha? Smetto. 
Ma il gioco più bello del mondo mi richiama: non mi abbandonerai mica così? Ed eccoci a quel Google "Subbuteo-Rovereto". Mercoledì sera ho tolto due vecchie squadre, il portierone e (metaforicamente) il dito della cantina e mi sono affacciato alla sala del "Trento Subbuteo". Bell'accoglienza e belle partite, da subito. Mi è piaciuto, mi sono sentito a mio agio, libero di divertirmi come un bambino. Ci voglio tornare. 
C'è un che di romantico, in questo post… e dunque non posso che chiuderlo con l'immagine del sogno calcistico di un Bambino "Causio, Zico, Virdis". 


6 commenti:

  1. Devi portare questo calcio strano però carino in Brasile!!! Sembra molto divertito!! :)

    RispondiElimina
  2. Ho bisogno di un impresario brasiliano :-)

    RispondiElimina
  3. Nella tecnologica questo post è decisamente romantico pur non essendomi mai appassionato al Subbuteo.. Buon divertimento allora!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fausto. Evviva le passioni

      Elimina
  4. passione sopita, passione ritrovata...
    buon divertimento :)

    RispondiElimina
  5. La prima passione rimane sempre viva. Solo ne scrivo di meno, ma ho ritrovato buona continuità. A presto, Vale

    RispondiElimina